In cantina

​​​​​​​si vendemmia rigorasamente a mano, usando piccole cassette, 3 o 4 giorni prima della data di vendemmia si fa un piede di fermentazione, che servirà da inoculo.

​​​​​​​L'uva intera viene pigiata con una pressa soffice a membrana ed il mosto ottenuto  viene lasciato a decantare a bassa temperatura. Dopo 24 ore si separa il mosto pulito dalla feccia grossolana che si è depositata sul fondo del serbatoio e si aggiunge il piede di fermentazione al mosto limpido.



Due volte al giorno, per tutta la durata della fermentazione alcolica,  si controlla la concentrazione degli zuccheri con un mostimetro. Questo si rende necessario per verificare l'andamento fermentativo.

Qualora ci sia un rallentamento si interviene con dei rimontaggi all'aria per dare ossigeno ai lieviti e quindi forza riproduttiva ed evitare odori di riduzione.

​​​​​​​

Terminata la fermentazione alcolica si procede ad uno o piu travasi e si lascia riposare il vino in maniera tale da farlo affinare e maturare insieme alle proprie fecce fini.

Il freddo invernale ed una leggera chiarifica con dell'argilla renderanno limpido e stabile il vino.

A questo punto dopo una filtrazione si procederà all' imbottigliamento.
​​​​​​​
Una volta imbottigliato il  vino viene affinato per alcuni mesi in bottiglia, prima della messa in vendita.